/ Approfondimenti / DETERMINAZIONE E TENACIA, I SEGRETI PER AVERE SUCCESSO NEL TRADING ONLINE. INTERVISTA A ROSARIA FORTUNATO

DETERMINAZIONE E TENACIA, I SEGRETI PER AVERE SUCCESSO NEL TRADING ONLINE. INTERVISTA A ROSARIA FORTUNATO

Vincenzo Quarta on 3 Marzo 2015 - 19:44 in Approfondimenti, Le Donne del Trading

Rosaria Fortunato, trader part-time e da sempre appassionata di finanza, è la protagonista della nostra rubrica Le Donne del Trading, in collaborazione con Trading Room Roma. In passato ha lavorato, ricoprendo incarichi dirigenziali, nel Gruppo Mediolanum e, in seguito, in Merril Lynch, Bankers Trust, Julius Bear trasformatasi poi in Kepler Equities. Attualmente, è dirigente in un’azienda appartenente a un importante gruppo quotato italiano.

Com’è nata la sua passione per la finanza e, in particolare, per il trading?

La mia passione per la finanza è nata dalla mia professione: ho lavorato nel settore finanziario sin dalla fine dei miei studi universitari (nel lontano 1990). Ho lavorato per importanti strutture internazionali, in particolare brokers con clientela istituzionale (i primi anni nel gruppo Mediolanum e poi Merril Lynch, Bankers Trust, Kepler Equities) e quindi ho avuto a che fare con i mercati di borsa per molti anni, pur non occupandomi direttamente di negoziazione. Infatti, ho sempre ricoperto ruoli di gestione dell’organizzazione e di tutte le problematiche di compliance riferite alla regolamentazione Consob e Banca d’Italia. Conoscevo e consoco, quindi, molto bene gli strumenti finanziari, le regole che governano i mercati e gli approcci dei trader istituzionali, ma non avevo mai fatto trading direttamente, pur essendo stata sempre molto affascinata da quel mondo. Mi sono quindi avvicinata al trading circa 5 anni fa, durante una pausa dal mio lavoro abituale presso i brokers e ho cominciato a studiare analisi tecnica, a frequentare corsi e ad ascoltare le lezioni, i consigli e i suggerimenti degli esperti che ho avuto la fortuna di conoscere e che mi hanno introdotto, in modo attivo, in questo mestiere (sottolineo MESTIERE). Anzi vorrei approfittare di questa “chiacchierata” per ringraziare coloro che sono stati determinanti nella mia formazione, mi hanno insegnato tantissimo e continuano a darmi spunti e consigli quotidianamente: grazie a grandi professionisti come Massimo Vita, Bruno Moltrasio, Giacomo Probo, senza di loro non avrei mai fatto “click” sulla piattaforma e non avrei mai avuto risultati positivi! Sono anche degli amici che ringrazio davvero con tutto il cuore!

Nel corso della sua carriera ha potuto riscontrare un atteggiamento “maschilista” nel trading e, più in generale, nel mondo della finanza?

Personalmente no, ho trovato sempre molta disponibilità da parte di amici e colleghi maschi nel darmi supporto o nel lavorare insieme. È importante anche come ci si pone: se l’atteggiamento femminile mostra professionalità e competenza ci si conquista la “considerazione maschile”: ho detto considerazione, perché comunque l’essere donna in un mondo prevalentemente maschile vuol dire essere sicuramente un po’ più “brava” del collega maschio: questo, purtroppo, non vale solo nel trading, ma nel mondo del lavoro in generale.

Quali difficoltà potrebbe incontrare, dal suo punto di vista, una ragazza che decida di intraprendere una carriera nel trading?

Innanzitutto voglio specificare che il trading non è un gioco, è una professione che va presa seriamente e che, prima di essere intrapresa, ha bisogno di preparazione innanzitutto tecnica e poi psicologica: quest’ultimo aspetto non è di poco conto. Nel corso della mia esperienza ho potuto rendermi conto che la variabile “psicologica” di questo mestiere gioca un ruolo molto rilevante: quando si è di fronte allo schermo dove i prezzi si muovono “giocando” con il tuo denaro, la freddezza e la lucidità che bisogna avere nel tenere una posizione o chiuderla per evitare perdite rovinose, devono essere caratteristiche del proprio modo di essere che è necessario avere o almeno migliorare. A una ragazza, quindi, che voglia intraprendere questa professione direi: studia molto e impara a conoscere i mercati e gli strumenti, non improvvisare, ma devi avere determinazione, tenacia, freddezza e pazienza, solo così potrai avere possibilità di successo. Se il “tremore” davanti allo schermo non passa….cambia mestiere se non vuoi perdere tutto il tuo denaro!

Il trading professionale è un’attività molto stressante e che impegna gran parte della giornata. Come si concilia quest’attività con l’essere donna, moglie e madre?

Il trading non è la mia attivita’ principale (almeno non ancora, purtroppo): sono dirigente d’azienda e anche moglie e madre di due figli. Non mi sento super woman, ma credo che il trading, a differenza dei lavori tradizionali, abbia un grandissimo vantaggio: la libertà di poter gestire il proprio tempo e questo credo sia uno degli aspetti più belli di questa attività! Ad esempio, per chi fa daily trading, si lavora meglio solo in alcune ore della giornata (dalle 9 alle 12 e dalle 15,30 alle 18) e, inoltre, (come mi hanno insegnato gli amici Massimo e Bruno) non è necessario stare davanti al PC costantemente: una volta impostata l’operazione con target e stop loss, si ottengono i risultati migliori evitando di guardare le oscillazioni dei prezzi… Ammetto che non è facile, ma, considerato che faccio anche altro, mi comporto così. Lo stress va governato sempre, ma per una donna che abbia capacità, passione e conoscenza credo che sia uno dei lavori migliori da poter intraprendere, proprio per l’estrema flessibilità, caratteristica che consente di organizzare in modo adeguato anche il tempo per se stesse e per la famiglia. D’altronde stare 8 ore fuori casa, in ufficio o altrove, non è difficile da conciliare con la famiglia? Molto di piu’, ve lo assicuro!

Cosa si sentirebbe di dire ad una donna che volesse intraprendere una carriera come la sua?

Proprio in virtù delle caratteristiche di cui ho parlato sopra, perché no! Ovviamente senza improvvisare, ma con preparazione, metodo e tenacia, credo che una donna possa intraprendere questa professione; mettiamoci anche un po’ di intuito femminile e i risultati positivi arrivano….

Esiste la “formula magica” per riuscire nel trading?

No, ci sono gli indicatori giusti, che devono essere utilizzati, ma ognuno deve crearsi il proprio metodo, seguirlo costantemente e con lucidita’, evitando i “secondo me”…i grafici e gli indicatori rispondono a logiche matematiche e, quindi, sono oggettivi, fornendoci così messaggi precisi…sta a noi saperli seguire. Sembra banale, ma non lo è….provato sulla mia pelle!

 

Comments are disabled

Comments are closed.